RapidShare non è responsabile dei file condivisi dagli utenti

maggio 11, 2010

Una Corte d’Appello Tedesco ha recentemente stabilito che RapidShare AG non è responsabile dei contenuti illeciti (con particolare riferimento alla normativa sul diritto d’autore) caricati online dagli utenti ed ha inoltre sottolineato siano esclusivamente i suoi utenti ad avere il controllo degli upload effettuati.
Viene così superata in secondo grado una precedente sentenza che aveva obbligato RapidShare, a registrare file e indirizzi IP in modo da prevenire le violazioni. Ila vertenza era stata instaurata dalla Capelight Pictures, dopo che aveva scoperto che alcuni film di cui aveva i diritti erano stati messi illegalmente a disposizione sulla piattaforma di hosting.

Ma la Corte Tedesca ha rilevato che, a fronte di alcuni utenti che utilizzano il servizio per fini illeciti, esiste un grande numero di soggetti che utilizzano RapidShare per scopi perfettamente leciti, per cui non sarebbe legittimo l’adozione di simili misure preventive.

Annunci

Diritto d’autore on line: chiuso Linkstreaming.com

aprile 22, 2010

E’ stata denominata “Little Angel” la recente operazione operazione frutto della collaborazione tra Guardia di Finanza, Federazione contro la Pirateria Musicale (FPM) e la Federazione anti Pirateria Audiovisiva (FAPAV), tesa a colpire quella che gli inquirenti definiscono “la più vasta rete di diffusione e messa in condivisione in rete di film ed opere cinematografiche in violazione alle norme sul copyright”.

Stiamo parlando dell’operazione che ha portato al sequestro del celebre sito http://www.linkstreaming.com che, per quanto ospitato su server svedesi, era gestito e amministrato da cittadini italiani. Per chi non lo sapesse, Linkstreaming offriva agli utenti la possibilità di godersi film e serie televisive in streaming o di scaricare direttamente sul proprio pc i contenuti che interessavano tramite un servizio di download che si appoggiava sui più popolari servizi di file hosting della rete.

Il sequestro di Linkstreaming è il risultato di indagini condotte sin da inizio 2010 sotto la coordinazione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari Dott. Giangiacomo Pilia. Al momento risultano indagati i 6 amministratori del sito per “aver divulgato al pubblico attraverso internet opere dell’ingegno protette dal diritto d’autore”, in violazione, quindi, della normativa sul diritto d’autore. Al momento, invece, nessun utente del sito risulta iscritto nel registro degli indagati.

A seguito di dette operazioni, è stato imposto ai provider italiani l’obbligo di filtrare l’accesso al sito sul territorio nazionale, alla stessa stregua di quanto la Procura di Bergamo aveva già fatto, ad esempio, in relazione al portale “The Pirate Bay”.

Gli inquirenti sono ora impegnati a determinare l’ammontare del denaro guadagnato illegalmente dagli indagati attraverso la pubblicità ospitata sul sito web, che, a detta della procura di Cagliari, era il più frequentato nel panorama nazionale.


File sharing: al via in Francia il processo contro il gestore di emule paradise

marzo 23, 2010

Comincia in questi giorni in Francia il processo contro Vincent Valade. Gli inquirenti lo accusano di aver consentito, tramite il suo sito Emule Paradise, di scaricare materiale protetto dal diritto d’autore.
In particolare è accusato di aver favorito tramite il sito, che all’epoca dei fatti poteva contare su diverse decine di migliaia di visitatori al giorno, lo scaricamento illegale di oltre 7.000 film.
Sempre secondo l’accusa, Valade aveva creato un piccolo impero basato sul file sharing: gli inquirenti nel corso delle indagini sono risaliti a due conti correnti all’esetro su cui erano stati depositati oltre 400.000 euro, guadagnati con le inserzioni pubblicitarie.
Staremo a vedere come evolverà la vicenda giudiziaria.